Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
martedì 23 luglio 2019 ..:: Studi Magister - Intro ::..   Login
Navigazione Sito

 Studi Magister - Intro Riduci

GLI STUDI MAGISTER: UN CONNUBIO TRA TECNOLOGIA ED ARTE

 

INTRO

 

Quando, all'età di 11 anni, acquistai i miei primi due dischi di musica: la terza sinfonia di J.Brahms ed il concerto per violino ed orchestra di F. Mendelssohn Bartholdy li ascoltavo su una fonovaligia regalatami da mia nonna. Passavo ore ed ore su quell'apparecchio con la testa china sul piccolo altoparlante. La tenera età è l'entusiasmo per la scoperta della grande musica, la freschezza e la profondità delle sensazioni che quelle note mi davano contrastavano con la povertà dei mezzi di riproduzione di cui allora disponevo. Oggi probabilmente nessun impianto per quanto sofisticato potrebbe rendermi le stesse emozioni con la medesima spontaneità di quei tempi, occorrerebbe una macchina del tempo che mi riportasse indietro di 38 anni e mi ponesse nuovamente davanti a quella rudimentale, magica fonovaligia. Il tempo si sà passa inesorabilmente ed altri apparecchi sono transitati nelle mie camere: un'altra fonovaligia di colore celeste, un compatto della Philips con fonorivelatore piezoelettrico sino ad arrivare al primo impianto della Pioneer economico, ma serio, a componenti separati che mi introdusse nel mondo dell'Hi Fi. A questo sono seguiti un'altro impianto Pioneer e attualmente posseggo un insieme entry level che ha conservato il giradischi ed il sintonizzatore di circa trenta anni fa, perfettamente funzionanti e che mi aiutano, nostalgicamente, a ricordare quegli anni andati in una sorta di ricerca del tempo perduto.

Certo è ben strana la vita. Dopo un lungo periodo coinciso con la ricerca di un lavoro, il matrimonio, la famiglia, in cui l’amore per la musica e per l'audio si sono rarefatte ed assopite, da un paio d'anni a questa parte la vecchia passione è riesplosa come una bomba ad orologeria ed è coincisa con la scoperta in rete del sito TNT Audio. Quelle pagine HTML dalla grafica semplice, ma proprio per questo fortemente evocativa, ricche di informazioni e di idee, con un carattere fortemente indipendente hanno contribuito alla rinascita in me di sensazioni e conoscenze appannate dal tempo. Da allora è stato un crescendo di esperienze, incontri con altri audiofili, letture, sino a giungere al recente episodio in cui, messa da parte la mia proverbiale timidezza e preso il coraggio a due mani ho chiesto tramite e-mail all'ingegner Marco Lincetto, conosciuto grazie all'incontro sul forum di Videohifi, se poteva concedermi una visita ai suoi studi di registrazione "Magister" in quel di Preganziol. L'ingegnere con grande gentilezza e disponibilità mi ha permesso di trascorrere una giornata in questi approfittando dell'occasione di una seduta di registrazione con il gruppo musicale dei Mideando.

Il giorno 29 Aprile quindi, di buon ora, mi metto a cavallo della mia potente motocicletta attrezzato con recorder vocale digitale, macchina fotografica con destinazione studi di registrazione "Magister" a Preganziol, provincia di Treviso, in Via Collegio, 10. Il tempo è ottimo ed essendo Domenica, complice il traffico limitato, raggiungo abbastanza presto gli studi che sono immersi nel verde intenso di una bellissima campagna. Il sole, l'aria fine, il viaggio senza intoppi e la splendida giornata mi mettono di buon umore e lasciano ben sperare che altrettanto piacevole sarà il prosieguo. Una volta giunto al cancello vengo cordialmente accolto da Marco con un grande sorriso e l'invito ad entrare negli studi. Ammetto di essere apparso un po' emozionato ed impacciato anche perchè lui mi aveva preannunciato che sarei stato il primo audiofilo ad entrare nei suoi studi ed a godere di una sessione di registrazione.

Gli studi Magister, il cui progetto di sale e regie è stato curato da Riccardo Pietropolli, sono accolte in un edificio di recente costruzione molto curato anche dal punto di vista estetico, i suoi vari ambienti sono raggiungibili agevolmente tramite un corridoio ad L.

 

Piantina Magister.jpg 

 

 

La piantina dell’area “Magister”

 

SALA DI REGIA

 

La sala è accogliente, le pareti laterali e posteriore sono lavorate in stile "rustico", la parete frontale invece è rivestita in legno e situata subito a ridosso del banco di regia dove campeggia un fantastico Soundcraft 3200. Ai lati del mixer ci sono due mobili portaelettroniche di legno in cui sono alloggiate varie apparecchiature. Sul piano rialzato del banco ci sono due coppie di diffusori monitor per l'ascolto (Genelec 1031 e Yamaha NS10) mentre sulla parete in legno, ai due lati ci sono due grandi Genelec "Inwall" 1025 A. Tutti i diffusori sono dei monitor dalla trasparenza e neutralità di altissimo livello, come ho avuto modo di apprezzare. Quasi al centro del Soundcraft è posta una tastiera per mezzo della quale il Sound Engineer comanda una potente workstation digitale per le operazioni di editing. La registrazione può avvenire in analogico, digitale o in entrambi i modi contemporaneamente. I collegamenti audio con le sale (sala gialla e sala bianca) sono realizzati con modernissimi cavi OFC a doppia schermatura ottimizzati per rendere irrisorie le perdite del segnale sulle alte frequenze considerato che i conduttori possono raggiungere i 20 metri di lunghezza, il segnale fornito è assolutamente immune da disturbi. Le sale sono raggiunte da cavi microfonici, jack sbilanciati per strumenti musicali. Il controllo visivo inoltre viene assicurato da un impianto video in grado di rendere visibile qualsiasi punto dello studio da ogni tecnico e da ogni musicista rendendo possibili le registrazioni in presa diretta, le quali sfruttano l'acustica estremamente naturale delle due sale. L'assenza di grandi superfici vetrate consente l'eliminazione delle deleterie riflessioni che diversamente si verrebbero a creare; questi accorgimenti tecnici oltre ad ottimizzare i tempi di produzione nelle loro fasi iniziali rappresentano anche un considerevole risparmio economico per il cliente dello studio di registrazione. Sulla parete frontale e dietro il grande banco di regia si trova una doppia porta firewall ed una piccola vetrata che consentono l'ingresso fisico e visivo nella sala bianca. Sulla parete opposta ci sono due porte di comunicazione per l'accesso ad una delle due Iso Both degli studi e ad un magazzino.

 

 

117.jpg

Marco Lincetto (in primo piano) e Andrea Valfrè

 

 

118.jpg

Andrea Valfrè

 

 

120.jpg

Il preamplificatore microfonico Millennia HV-3D

 

 

121.jpg

Focusrite ISA131 Gate/EQ/Compressor - Empirical Labs Distressor EL8 - Tube-Tech CL 1B - DBX 165A

 

122.jpg

Il grande banco di missaggio Soundcraft 3200

 

 

123.jpg

I diffusori Genelec 1031 e Yamaha NS10

 

 

125.jpg

Il Dual Valve Equaliser della TL Audio ed il preamplificatore microfonico CML

 

 

126.jpg

Urei 1178 Stereo Compressor - Millennia TCL 2

 

 

128.jpg

Altre apparecchiature della Digidesign

 

 

131.jpg

I grandi diffusori “Inwall” Genelec 1025 A

 

SALA BIANCA

Questa sala, situata di fronte alla regia e separata da essa tramite due porte firewall ed una vetrata è di ampie dimensioni (130 metri cubi e 5,90 metri di altezza. Pavimento in legno (parquet) e parete posteriore di guisa particolare, quasi a formare una fisarmonica, e forata consentono anche quì, come nella sala gialla l'ottimizzazione dell'acustica ambientale.

 

Maggio 2007

 

Sala bianca.jpg 

 

Alfredo Di Pietro


 Stampa   
Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation