Hledat English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
23. dubna 2019 ..:: Milano Hi-Fidelity Primavera 2019 - Parte Seconda ::..   Přihlásit se
Navigace stránek

 Milano Hi-Fidelity Primavera 2019 - Parte Seconda Minimalizovat

 

 

Gli anni trascorrono ma le passioni restano. Anche quest'anno il Milano Hi-Fidelity esordisce in primavera, la stagione della rinascita dopo il letargo dell'inverno. Nell'intervista fatta a Stefano Zaini emergono tanti interrogativi, vecchi e nuovi, ma il fatto di essere ancora qui a parlarne con rinnovato entusiasmo non può che essere buon segno. E gli elementi favorevoli, vera cartina al tornasole sullo stato di salute di questa fiera, non mancano. Autorevole trampolino di lancio per importanti novità, la sua crescita è stata costante nel tempo, inarrestabile, precisi come un orologio svizzero i suoi appuntamenti, sia milanesi che romani. Deve aver provato, lui uomo concreto e poco incline all'autoincensamento, un sottile piacere nel constatare che un colosso come la Panasonic Technics, sempre presente nelle varie edizioni, abbia avuto parole di elogio per la sua mostra. Non a caso Mutsue Sekihara, Product Manager di Technics in Panasonic Italia, ha dichiarato: "Con il sostegno a manifestazioni di prestigio come il Milano Hi-Fidelity, Technics conferma il ruolo di azienda leader nel settore Audio Hi-Fi... La volontà di condividere questa eccellenza con tutti gli appassionati di musica si traduce nella presenza ai principali appuntamenti che offrono la possibilità di testare di persona i nostri prodotti. Il Milano Hi-Fidelity rappresenta, inoltre, un'importante occasione per monitorare il mercato e confrontarci con le esigenze del settore, così come per costruire e rafforzare relazioni con consumatori e collaboratori."

E non è nemmeno fortuitamente se il celeberrimo marchio giapponese ha voluto qui presentare tre rilevanti novità del suo già ricco catalogo prodotti, parliamo delle cuffie Bluetooth EAH-F70 con cancellazione del rumore, del giradischi SL-1500C e del lettore Super Audio CD/lettore di rete SL-G700. Ma non si tratta di un diamante che brilla in solitudine, per capirlo basta dare una rapida scorsa panoramica a quella che è stata l'edizione primaverile appena trascorsa. Innanzitutto, hanno poco da lamentarsi coloro che vedono nell'Hi Fi un'esosa tentatrice: qui ogni livello di prezzo trova degna rappresentazione, assicurando soddisfazione per ogni tasca, né ci si può mettere sul fercolo di Sant'Agata e pontificare su una paventata ristrettezza di vedute. Oggetti Hi Fi certo, ma anche abbondante alimento musicale da dare loro in pasto, vista la straordinaria abbondanza di supporti musicali di ogni genere come CD, SACD, nastri, vinili nuovi e usati. Sono addirittura rispuntate le "obsolete" musicassette; ma, prima di storcere il naso, v'invito a verificare di persona di cosa possano ancora essere capaci, magari registrate dai professionisti di Clef and Note by Associazione MOB e riprodotte su un'ottima piastra. Dalle note ai libri... Zecchini Editore offre una vasta materia letteraria, tale da appagare ogni appetito dell'affamato di cultura musicale. Avrò l'onore e il piacere di parlarne nella parte dedicata a questa bella realtà, presentando quattro ghiotte novità.

Il ragazzino, ma anche no, desideroso di allestire nella sua cameretta un dignitoso impiantino, avrà potuto trovare sul banco della Axiomedia/Axiolab un trittico di validi "Chip Amp" utili alla bisogna, apparecchietti dal suono al di sopra ogni sospetto. Sul versante discografico annoto una "new entry", la Dodicilune, editore discografico e musicale con sede a Lecce. Davvero tanti gli album a disposizione dell'avventore sul suo banco. Proverbiali la gentilezza e disponibilità di Mario Sopegno della HiFi 4 Music/Ayon Italia, con il quale è sempre un vero piacere intrattenersi a parlare. Non rimarranno nemmeno delusi gli amanti del vintage, ai quali saranno brillati gli occhi alla vista delle vecchie glorie disseminate negli spazi espositivi, sale e suite, diverse di queste esposte nella Sala Ambra 1 della Livolsi Group/Terragni. Qualcuno voleva il lusso sfrenato? (perché no, c'è anche quello) Eccolo accontentato da Il Tempio Esoterico in Sala Aurora che, oltre ai numerosi oggetti in esposizione statica, ha messo a centro sala addirittura uno splendido Grancoda Fazioli, forse un monito per gli audiofili troppo interessati a cambiare continuamente apparecchi e cavi trascurando la musica. Due sorprendenti amburghesine, le casse Karlina Lyravox, basate su altoparlanti ceramici Accuton, hanno sfoderato una voce limpida e dinamica nella Suite 121.

Fa piacere assistere alla crescita di una realtà votata all'analogico, Puntinapergiradischi, la quale da un semplice banchetto con pochi oggetti (ricordate i Pick-Up Ronette per radiogrammofoni?) è arrivata ad avere la sua bella Suite, con diversi oggetti interessanti e il suo bell'impianto suonante. Senza passare sotto silenzio l'"innesto" tra audio professionale e domestico operato con gli ottimi Dutch & Dutch 8c, diffusori da supporto davvero ben suonanti, proposti dalla TeDes. Singolari le granitiche, in tutti i sensi, 487 Venetia della Stones Speakers, monitor dotati di un pesante cabinet in pietra naturale "Euganean Trachyte", che mi hanno sorpreso per la formidabile pulizia di emissione. Un caloroso bentornato si merita la Yacht Hi Fi di Lorenzo Verger, importatrice dei diffusori Trenner & Friedl, veri cavalli purosangue di bel suono. Una novità elettroacustica proveniente da Audio Point Italia/Il Centro della Musica erano le originali YG Acoustics Hailey 2 Series New, suono neutro e controllato, adatto a ogni genere musicale. Maestose le unità "extenders" laterali Vrel Electroacustic SMES Gravis, dei pannelli sonori dipolari di grandi dimensioni pensati come upgrade dei modelli Bequadro. Ultimo succoso scampolo di questo breve volo d'uccello è ancora una novità, questa nostrana, tirata fuori dal cappello magico della Quality Audio di Ernesto Villani: uno Step-Up per testine MC chiamato Model ZH-1 (Zero Hysteresis).

Vi auguro una buona passeggiata virtuale, come sempre!

 

 

 

PIANO + 1

 

 

SPAZI ESPOSITIVI

 

 

EGEA MUSIC

Il marchio Egea Music, puntuale partecipante della mostra, è contraddistinto da un gruppo di attività che ha per oggetto la musica.

Tali attività includono la distribuzione, produzione (Incipit Records, Sud Music, Musica Viva), logistica, publishing, booking e management.

Tra le novità più rilevanti segnaliamo Mare Nostrum III di Paolo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren. È il nuovo frutto della collaborazione fra tre grandi musicisti: il trombettista Paolo Fresu, il fisarmonicista Richard Galliano e il pianista Jan Lundgren, che completa una trilogia concepita più di dieci anni fa. Molto originale (e rispettosa delle origini di ognuno) la decisione presa di registrare un album in ciascuno dei paesi d'origine dei tre musicisti. Il primo è stato infatti registrato in Italia nel 2007, il secondo nel 2016 in Francia e il terzo in Svezia, nello Studio Nilento di Göteborg.

Seconda delle quattro novità è Tango nuevo revisited dello Javier Girotto Trio. Lavoro di rara suggestione, nasce con il desiderio di registrare nuovamente il disco che suggellò l'incontro tra il grande Astor Piazzolla e Gerry Mulligan. Inciso nel 1974, questo ebbe la particolarità di avere titoli diversi in base al paese in cui veniva distribuito, variando in "Summit", "Tango Nuevo" e "Reunion Cumbre".

Gianmaria Testa è il protagonista di "Da questa parte del mare", concept album di bruciante attualità visto che è totalmente dedicato al tema delle moderne migrazioni. Frutto della collaborazione, oltre che dei musicisti suoi abituali compagni (Gabriele Mirabassi, Paolo Fresu, Enzo Pietropaoli, Philippe Garcia, Luciano Biondini, Claudio Dadone, Piero Ponzo) anche del chitarrista e compositore statunitense Bill Frisell.

Credo siano tanti gli estimatori della serie televisiva "Il Commissario Montalbano", oggi contenti di poter disporre di questo "Boxset" composto da tre CD con tutte le colonne sonore originali scritte da Franco Piersanti.

Nello spazio espositivo Egea, tra centinaia di CD, trovavano posto anche queste belle chitarre in miniatura.

  

 

HIFI 4 MUSIC/AYON ITALIA

Stessa posizione, stesso banco addobbato con drappo rosso, stessa fantastica esposizione di oggetti Hi Fi di altissimo livello presso la HiFi 4 Music/Ayon Italia.

Giradischi a levitazione magnetica Mag-Lev ML1.
Già visto all'edizione primaverile dello scorso anno, è un oggetto molto originale, progettato dal gruppo di designer sloveni Desnahemisfera. È equipaggiato con un braccio Pro-Ject 8.6 e testina Ortofon OM 5E.

Amplificatore per cuffia valvolare Ayon Audio HA-3 e cuffia Spirit Sound Design.
L'azienda torinese che produce quest'eccellente cuffia si è riservata uno spazio espositivo al Piano -1 e la Suite 102 al Piano +1. L'HA-3 è un'elettronica tra le più richieste dai cuffiofili, tanto da obbligare l'acquirente a una lunga lista d'attesa.

Amplificatore integrato stereo valvolare Ayon Audio Triton III.
Questa sontuosa elettronica, accreditata di 70 Watt per canale in configurazione triodo e 120 Watt nel funzionamento a pentodo, esprime con grande raffinatezza le migliori qualità delle amplificazioni a tubi. Impiega come dispositivi finali di potenza otto valvole KT150.



Lettore CD/SACD a valvole Ayon Audio CD-35.
Mario Sopegno mi mette al corrente che, da qualche mese, la Ayon Audio ha come testimonial il famoso tenore Francesco Meli, uno dei più affermati cantanti lirici a livello mondiale. Meli ha sposato la causa del marchio austriaco, utilizzando un suo impianto, e recentemente è stato in visita all'azienda di Graz in compagnia dello stesso Mario Sopegno. Circa un anno fa ha acquistato un lettore digitale Ayon, che gli è piaciuto molto, poi ha ascoltato un'elettronica, i diffusori e del tutto spontaneamente ha deciso d'impegnarsi in una collaborazione con il marchio. La HiFi 4 Music ha installato l'impianto nella sua sala, dove c'è anche un pianoforte. "L'azienda è particolarmente orgogliosa del rapporto che si è instaurato con lui", dice Sopegno, "cosa non facile con personaggi di questo spessore".

Mario Sopegno (a sinistra) e Davide Della Casa.

 

 

REDKI.COM

RedKi.com significa una grande quantità di vinili usati, venduti agli avventori a prezzi modici.

Davvero vasta la scelta di LP singoli o cofanetti in offerta.

LP Deutsche Grammophone e Philips a cinque euro cadauno.

 

 

TEKTRON ITALIA

Non ha certo bisogno di presentazioni la Tektron Italia, vero punto di riferimento per gli amanti dei tubi a vuoto. In questa edizione esponeva un amplificatore con le KT120 e il classico integrato TK211SI (che quasi sempre porta alle mostre), entrambi da 20 Watt per canale. Presente pure un amplificatore che può funzionare sia con le 2A3 che con le 300B, come anche le 45 e 50, settando correttamente sia il filamento che il Bias, parliamo del finale di potenza monofonico TK2A3-50M-REF. Stessa versatilità è in grado di esprimere l'amplificatore integrato stereo TK2A3/50S-I-REF.

Valvole KR Audio 300 B (a destra) e KR Audio KT88.

Amplificatore per cuffia Tektron TK5687PSES-I.
A tecnologia OTL (Output Transformer Less) monta due ECC82, quattro 5687 e due 6ZY5.

 

 

SALE

 

 

SALA ACQUAMARINA - ALKÈMIA VERO

Dopo un lungo percorso evolutivo, il diffusore Alkèmia Vero sembra approdare alla sua versione definitiva, quella maggiormente perfezionata. Nei fatti, è un sistema a tre vie omnidirezionale, dove i trasduttori Alkemia T1 (tweeter), Alkemia M5 (midrange) e Alkemia W10 (woofer con reflex anulare) sono tutti caricati in guida d'onda, con i loro punti di emissione, reflex incluso, concentrici.

Il cabinet è in Carbonio spesso 3,5 mm e acciaio inox con alluminio. La risposta in frequenza si estende da 28 a 20.000 Hz, mentre la sensibilità dichiarata è di 92 dB/2,83 V/1 m. In Sala Acquamarina era messo a suonare in un impianto costituito dall'Universal Blu-Ray Player Cambridge CXUHD e dall'amplificatore integrato stereo digitale Lyngdorf TDAI 2200.

 

 

SALA CORALLO
AUDIO POINT ITALIA/IL CENTRO DELLA MUSICA

La Audio Point Italia/Il Centro della Musica presentava una delle più interessanti novità dell'intera mostra: i diffusori YG Acoustics Hailey 2 Series New, sistemi dal suono ampio, prospettico, neutro e controllato. Suonavano insieme all'amplificatore integrato stereo Vitus Audio RI-101, un PC come sorgente digitale e convertitore D/A PlayBack Designs MPD-8. Cablaggio Cardas.

Diffusori YG Acoustics Hailey 2 Series New.
Elettroacustiche davvero degne di nota, che la Audio Point Italia importa dal settembre dell'anno scorso. Sono prodotte dall'americana YG Acoustics, azienda fondata nel 2002 dal progettista Yoav Geva con sede a Denver, Colorado. Incorpora anche internamente una società di ricerca High-Tech e un'officina CNC ad alta sofisticazione. È uno dei pochissimi produttori al mondo che realizza internamente i suoi driver, nel caso delle Hailey 2 un woofer e mid-woofer a rigidità ultra alta "BilletCore" e un tweeter a distorsione ultra bassa "BilletDome" con motore "ForgeCore".

 

 

SALA AMBRA 1 - LIVOLSI GROUP/TERRAGNI

Le due simpatiche standiste all'ingresso della sala.

"Oltre 50 anni di suoni ritrovati" è il suggestivo motto della Terragni - Livolsi Group. Parole che sanno di nostalgico vintage, talvolta in grado di esprimersi ancora oggi con voce straordinaria. Apparecchi sottratti alla polvere e all'oblio grazie a valenti tecnici e sofisticate apparecchiature. Questo è ciò che ispira la realtà milanese di Viale Certosa, dedita alla riparazione prodotti Hi-End, progettazione, restauro e manutenzione.

Da oltre 40 anni Terragni opera nell'ambito dell'assistenza tecnica specializzata per prodotti professionali e consumer di alta gamma. Nel 2010 il centro assistenza è entrato a far parte del gruppo Livolsi. Amplificatori a valvole, registratori a bobine, preamplificatori e finali di potenza, casse acustiche sono i prodotti di cui si occupa.

Giradischi Thorens TD 166 MKII.

Sintoamplificatore Revox B 285.
Tipologia di apparecchi molto in voga negli anni '70 - '80, era una bella lotta tra gli stupendi Pioneer, Marantz, Kenwood, Sansui...

Non solo oggetti in esposizione statica ma anche un signor impianto suonante nella Sala Ambra 1, composto dal DVD Player Pioneer DV-717, amplificatore integrato McIntosh MA8000, giradischi Yamaha Linear Tracking Quartz Locked PX-2 e gli stentorei diffusori Klipsch RF-7 III.

Amplificatore integrato stereo McIntosh MA8000.

Un grande tavolo che sembra sguarnito.

In realtà ospitava due vecchie glorie McIntosh, in grado di riempire ogni ambiente con il loro suono materico: l'amplificatore finale di potenza stereo MC 2205 (a destra) e il preamplificatore stereo C29.

Compact Disc Player SL-P1200.

Uno di quei banchi, pieni di strumenti di misura professionali, con i quali operano i tecnici delle Terragni - Livolsi Group.

Un altro impianto, purtroppo non suonante, era allestito sulla parete opposta di quello che invece faceva sentire la sua voce.
Yamaha Natural Sound AV Amplifier DSP-AX1, giradischi Sony PS-HX500 e diffusori Quad ESL 63 i suoi componenti.

Alfredo Di Pietro

 

Segue alla Parte Terza...


 Tisk   
Copyright (c) 2000-2006   Podmínky používání  Prohlášení o soukromí
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation