Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
lunedì 25 marzo 2019 ..:: Milano Hi Fidelity Autunno 2016 - Parte Quarta ::..   Login
Navigazione Sito

 Milano Hi Fidelity Autunno 2016 - Parte Quarta Riduci

SALA JIGGER: IL TEMPIO ESOTERICO

Due grandi sale la Jigger e la Zaffiro, che da sole hanno occupato un'intera parte del mio report.
La prima ospitava la catanese "Il Tempio esoterico", una delle più importanti realtà italiane che operano nel campo dell'alta fedeltà. Basta dare un'occhiata ai marchi che tratta per comprendere come l'appellativo di "esoterico" non sia stato dato a caso e nemmeno quello di "tempio", termine che indica un luogo di culto.

"Aziende e prodotti scelti da appassionati per gli appassionati" è il suo motto, a sgombrare il campo da eventuali malintesi su politiche commerciali che non tengano conto dell'approvazione qualitativa del team di esperti che è a capo di quest'azienda. L'ampia Show Room sita a Catania in Via Vicenza, 12 è davvero un centro nodale di ascolto per le orecchie più raffinate. Davvero in sala Jigger si è consumata una specie di mostra nella mostra, tante sono state le novità e gli oggetti in dimostrazione. Senza trascurare due presenze importanti: Mikal Dreggevik, Managing Director/CEO della Electrocompaniet e Michael Kvist, CCO della Gamut.

Come nella scorsa edizione primaverile, le regine della mostra sono state le Egglestone The Andra III Special Edition, qui accompagnate dal Digital Music Streamer Cary Audio DMS-500, giradischi Kuzma Stabi S con braccio Stogi S e Oracle Delphi MkVI Gen-2 con braccio Oracle SME, CD Player Oracle 1500 MKIII, preamplificatore due telai Balanced Audio Technology Rex II, amplificatore finale di potenza il nuovo Balanced Audio Technology VK-655SE, preamplificatore Burmester 808 MK 5 della Reference Line, preamplificatore Phono MM/MC EAR Yoshino 912, Burmester 100 e Manley Chinook.

Giradischi Kuzma Stabi S con braccio Stogi S e Digital Music Streamer Cary Audio DMS-500.

CD Player Oracle 1500 MKIII.
Dall'estetica inconfondibile, questo lettore utilizza un chip di conversione Crystal CS4390 a 24-Bit di tipo Delta-Sigma. Vanta un rapporto Segnale/Rumore di 115 dB, range dinamico di 106 dB e Oversampling 128X.

Preamplificatore due telai Balanced Audio Technology Rex II.

Preamplificatore Burmester Reference Line 808 MK 5.

Preamplificatore Phono MM/MC EAR Yoshino 912.
Uno dei migliori e più raffinati in circolazione. È un'elettronica valvolare ideata dal grande Tim de Paravicini, utilizza sei trasformatori d'uscita, cinque valvole PCC88 (7DJ8). Le impedenze d'ingresso per testine MC sono selezionabili tra quattro valori (40 - 12 - 6 - 3 Ohm) mentre quella per MM si mantiene sullo standard di 47 kOhm. L'equalizzazione RIAA è molto accurata: 0,2 dB tra 30 Hz e 20 kHz.

Un trio analogico di alto livello: giradischi Oracle Delphi MkVI Gen-2 con braccio Oracle SME, Preamplificatore Phono Burmester 100 e Manley Chinook.

Balanced Audio Technology VK-655SE.
È il nuovo amplificatore finale di potenza del marchio U.S.A. Disponibile in configurazione stereo o mono, è dotato di due soli stadi di guadagno ad alta potenza, zero feedback e design puramente simmetrico. Realmente Dual-Mono, implementa una costruzione completamente indipendente dei canali, dei trasformatori di potenza e cavi di alimentazione, che sono separati per i canali destro e sinistro. Utilizza esclusivamente componenti MOSFet. Eroga una potenza di 300 e 600 Watt per canale, rispettivamente su carico di 8 e 4 Ohm, mentre in configurazione mono i Watt salgono rispettivamente a 400 e 700, per una THD a piena potenza dello 0,2 %. L'impedenza d'ingresso è di 100 kOhm e di 26 dB il guadagno.

Diffusore Egglestone The Andra III Special Edition.
Rappresenta un'evoluzione delle originali "Andra", al loro esordio immediatamente acclamate dalla critica e vincitrici del prestigioso premio "Speaker of the Year" di Stereophile. Dagli ascolti in sala si evince la capacità di sonorizzare adeguatamente ambienti anche molto grandi senza carenze né d'impatto né di bilanciamento timbrico. Il loro suono è lucido, brillante e dinamico, mai in difficoltà anche su programmi musicali impegnativi. Le specifiche tecniche di questo tre vie parlano una risposta in frequenza che va da 18 Hz a 24.000 Hz (- 3 dB), sensibilità 88 dB/w/m, impedenza nominale di 8 Ohm e 6 Ohm minima. La Andra è equipaggiata con due woofer in polipropilene da 12", midrange in fibra di carbonio da 6" e tweeter con cupola da 1".

Mikal Dreggevik, Managing Director/CEO della Electrocompaniet.

Il marchio norvegese esordisce con una novità: l'EC Living, sistema modulare Audio/Video wireless che dimostra grande attenzione non solo per la tecnologia ma anche per il design. Rappresenta, in buona sostanza, un modo semplice per portare la musica ad alta fedeltà e il cinema in tutta la casa. Grazie alla combinazione di prodotti diversi, si può costruire tutto, da una piccola radio per cucina sino a un grande impianto Home Cinema.

Streamer/Amplificatore Electrocompaniet EC Living SA-1.
Contiene un avanzato Streamer dotato di connessione 802.11 AC WiFi con MIMO e connessione wireless con i diffusori in alta risoluzione (96 kHz/24 bit). Consente la riproduzione da Spotify, TIDAL, WiMP, Qobuz e Internet Radio. Supporta praticamente tutti i formati audio digitali (WAV/WAVE, MP3, AAC+, Vorbis, AC3, DTS, ALAC, FLAC, APE, WMA, sino a 192 kHz/24 bit e DSD sino al 128 (5.6 MHz). All'interno dello chassis in rigido alluminio è ospitato anche un amplificatore stereo in classe D da 75 Watt per canale e un DAC 192 kHz/ 24 bit. Si può eventualmente aggiungere un subwoofer SIRA L-1 al sistema.

Collateralmente all'impianto nell'ambiente più grande, ne suonava un secondo costituito dal giradischi Electrocompaniet ECG-1, preamplificatore Balanced Audio Technology VK-33SE, amplificatori finali di potenza monofonici Electrocompaniet AW400, Network Music Player Lumin e diffusori Gamut "The Superior RS7", importanti sistemi tre vie Bass-Reflex con doppia porta equipaggiati con due woofer da 7" in fibra di legno, un mid-woofer da 7" con membrana in carta e un tweeter da 1,5" del tipo "Ring Radiator". Impedenza nominale 4 Ohm e sensibilità di 89,5 dB/2.83V/m.

Michael Kvist, CCO della Gamut.

Ma gli impianti "a latere" del principale non sono terminati: lungo la parete laterale della sala Jigger ne troviamo uno che è una vera delizia per le orecchie, dall'accattivantissima impronta timbrica, costituito da elettroniche Manley (preamplificatore Jumbo Shrimp e finali monofonici Mahi) e i monitor Falcon Acoustics LS3/5a, un'altra incantevole "scatola da scarpe" costruita su licenza della British Broadcasting Corporation, davvero ben suonante. L'Hi Fi non è soltanto fatta di valanghe di dB ma anche d'impianti meravigliosamente raffinati come questo.

I due finali monofonici di potenza Manley Mahi, sotto s'intravede il preamplificatore Manley Jumbo Shrimp, minimalista di pregio.

Diffusori Falcon Acoustics LS3/5a.

Diffusori Burmester Ambience BA71.
L'appellativo di "Ambience" non è stato dato certamente a caso, visto lo straordinario senso di spazialità che questi sistemi sono in grado di restituire, complice un secondo tweeter AMT posto sul retro e regolabile nel suo intervento. La notevole superficie emissiva sulle basse frequenze è divisa in quattro woofer frontali. Due driver medio-bassi garantiscono un ottimo bilanciamento tonale e il giusto passaggio di testimone ai tweeter AMT (Air Motion Transformer), dotati di un potente magnete al Neodimio. Il BA71 deve le sue doti sonore di ambienza proprio al tweeter a emissione posteriore.

Sul retro del diffusore possiamo trovare, oltre alle due porte reflex e la morsettiera con quattro contatti per il bi-wiring/amping, il controllo "Ambience Level" che regola l'emissione del driver posteriore. Il BA71 è un tre vie Bass-Reflex con 8 altoparlanti: due tweeter AMT, quattro woofer da 160 mm con membrana in polimero composito e due midrange dalle medesime caratteristiche. Le frequenze di taglio sono poste a 180 e 2600 Hz.

Un cartellone rammentava al visitatore altre due importanti novità presentate dalla Electrocompaniet: il Reference CD Player EMC 1 MK IV e l'amplificatore integrato bilanciato con Streamer ECL 6DX.

Di caratura differente dai mostri sacri visti sinora, ma sempre validissimo nel suono, è il finale di potenza monofonico Albarry Music M1108, accreditato di 110 Watt su 8 Ohm.

Su un tavolo, in sola esposizione statica, c'erano due amplificatori finali di potenza monofonici Restek Extent e il versatile Tsakiridis Theseus, amplificatore integrato valvolare in classe A dotato d’ingresso Phono MM, uscita preamplificatore, amplificatore per cuffia e USB DAC.

Tsakiridis Theseus.

Il fascinoso, grande V-Meter del Restek Extent.

Ritorniamo al prestigioso marchio tedesco Burmester con una coppia di amplificatori integrati stereofonici della linea "Classic": lo 032 (a sinistra) e lo 082. Tra i due il giradischi Oracle Paris.

Giradischi Oracle Paris MK V.
Molto pulito nelle linee, monta un motore asincrono con trasmissione a cinghia, piatto in acrilico, velocità selezionabile tra 33 e 45 giri minuto, aggiustabile con potenziometro. Il braccio "Paris" ha come struttura di base il Pro-Ject 9CC in carbonio.

Tony Pedalino (a sinistra) e Dario Candarella, rispettivamente operatore amministratore delegato de "Il Tempio Esoterico".

 

 

SALA ZAFFIRO: LABTEK

Veniamo alla Zaffiro, un'altra sala di grandi dimensioni che ospitava la bellunese Labtek di Luigi Dall'Antonia, laboratorio di alta fedeltà nato nel 2003. Tanti i prodotti in esposizione e ascolto, tutti molto interessanti.

Lettori Universali Multistandard Audio e Video Zappiti Player 4K Duo, 4K e 4K mini, in ordine di grandezza.

Zappiti Player 4K Mini.
È un lettore multimediale compatto di nuova generazione, compatibile con HEVC/H265 e Ultra HD 4K. È compatibile anche con Android e legge file ISO, M2TS e MKV. È dotato di una porta SATA per il collegamento di un disco rigido da 3,5" e di una porta Ethernet Gigabit.

Amplificatore per cuffia portatile/DAC Oppo HA-2 e cuffia magnetoplanare Oppo PM-3.

Cuffia Oppo PM-3.
È del tipo chiuso circumaurale con tecnologia magnetoplanare proprietaria Oppo. La membrana ha un diametro di 55 mm ed è mossa da un sistema di magneti simmetrici al Neodimio Push-Pull. Risponde da 10 a 50.000 Hz, impedenza di 26 Ohm e sensibilità di 102 dB/1 mW. È dotata di un cavo rimovibile da 3 metri, terminato 3,5 mm e 6,35 mm e un altro lungo 1,2 metri con connettore Mini-Jack. un oggetto in ossequio alla portabilità dalle grandi prestazioni.

Da sinistra: Blu-Ray Disc Player BDP-105D, amplificatore per cuffia Oppo HA-1 e cuffia magnetoplanare Oppo PM-1, top di gamma.

DAC/Amplificatore per cuffia Oppo HA-1.
Esemplare in finitura Silver. Operante in classe A, integra un DAC USB asincrono che lavora sino a 384 kHz e nel formato DSD256. È compatibile con iPod/iPhone/iPad e Bluetooth. Utilizza l'eccellente chip ESS 9018 Sabre 32 Reference, punta di diamante dei convertitori D/A, la sezione audio analogica, completamente bilanciata, è in classe A. L'alimentazione è affidata a un generoso trasformatore lineare toroidale, il potenziometro analogico di alta qualità impiegato evita la ridigitalizzazione del segnale audio per la regolazione del volume. Il preamplificatore stereo, infine, dispone di un "Home Theater Bypass" con uscite RCA e XLR, che favorisce una facile integrazione con un setup HT.

La ditta serba Auris Audio è una novità nel parterre dei brand trattati dalla Labtek, produce oggetti esteticamente ricercati e dalle ottime qualità soniche. Il suo fondatore e CEO è Milomir Trosic. Un'ottima rappresentanza del marchio la troviamo nel primo impianto in cui m'imbatto, costituito da elettroacustiche e amplificazione Auris Audio: diffusore Poison 5, preamplificatore a valvole Largo SE, finali di potenza valvolari Forte 150. Come sorgente digitale c'erano due Oppo 105, uno originale e l'altro modificato a valvole dalla Labtek.

Amplificatore finale di potenza valvolare Auris Forte 150.
Vanta una solida costruzione, trasformatori d'uscita da 200 Watt con un range in frequenza da 15 Hz a 50 kHz. Lavora in classe A/AB, configurazione Push-Pull, erogando la notevole potenza di 100 Watt RMS. Impiega in tutto 4 valvole, due KT150 come finali di potenza e due 6SN7 Phase-Splitter.

Diffusore Auris Audio Poison 5.
Mi ha favorevolmente colpito il suono di questa torre snella da pavimento, pulito, nitido, veloce e arioso.
Sistema a tre vie, si basa su tre driver della Fountek (due Full Range in configurazione D'appolito MTM con il tweeter a nastro Neo CD1.0) e due woofer laterali. La finitura in pelle e legno di noce da un tocco di elegante raffinatezza. Impedenza nominale di 8 Ohm e sensibilità di 87 dB.

Particolare dei due woofer laterali.

Il secondo impianto che incontriamo è quello storico del marchio di Alpago, formato da un vecchio lettore Pro-Type (in produzione cinque-sei anni fa), preamplificatore passivo Nautilus e finali di potenza monofonici Atlantix. I diffusori invece sono nuovi, presentati in veste di prototipo e ancora in via di preparazione.

Amplificatore finale di potenza monofonico Labtek Atlantix.

In ossequio alla Desktop Hi Fi di vaglia veniva proposta questa soluzione Auris Audio, diffusori Poison 1 e amplificatore integrato a valvole Fortino 6550.

Un'altra soluzione da tavolo con i Poison 1 poggiati sul lato maggiore e con il woofer rivolto verso il basso. La sistemazione è possibile grazie al montaggio di quattro punte, che fanno anche da distanziatori dalla superficie d'appoggio. L'elettronica è il DDH-1, convertitore DSD/PCM, amplificatore per cuffia e amplificatore in classe D da 2x125 Watt d'uscita, partner naturale dei Poison 1.

Foto dal sito della Auris Audio.

Diffusore Auris Audio Poison 1.

Convertitore DSD/PCM - Amplificatore per cuffia - Amplificatore in classe D Auris Audio DDH-1.
Dotato di un ingresso USB, tre coassiali RCA S/PDIF e tre TosLink, utilizza un chip TPA6120A2 nella sezione amplificatrice per cuffia. Molto bella l'estetica, connotata da una finitura in pelle e legno di noce.

Alfredo Di Pietro

Segue alla Quinta Parte...


 Stampa   
Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation