Search English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
Saturday, August 19, 2017 ..:: Milano Hi-End 2011 - Quinta Parte ::..   Login
Site Navigation

 Milano Hi-End 2011 - Quinta Parte Minimize

Con una serie di antinomie la ForteVita illustra la sua filosofia, tesa a riprodurre la realtà del suono "dal vivo" in una simbiosi di forti contrasti. Ecco perché un progetto nato dall'amore per la musica utilizza come modello di suono quello realmente percepito dall'esecutore e dallo spettatore, rispettando l'integrità delle contrapposizioni dinamiche e timbriche. Ombra e luce, fede e ragione, fantasia e realtà, orgoglio e umiltà sono entità solo apparentemente inconciliabili ma che concorrono al disegno della realtà.

Nel setup coesistevano elettroniche della ForteVita e una sorgente "liquida" rappresentata da un Mac su cui girava il software AVS (Virtual Audio Standard) ideato da Andrea Von Salis.

L'AVS è un software che consente la tridimensionalizzazione di tutto il campo sonoro secondo parametri psicoacustici e una virtualizzazione mentale che coinvolge totalmente l'ascoltatore.
Il programma, costituito dai tre blocchi funzionali di Input/Output, Room Correction e Correlator, per funzionare deve essere installato su un computer Mac. Il segnale, opportunamente processato dal software, viene inviato a quattro diffusori (due anteriori e due posteriori) posti in prossimità degli angoli del locale d'ascolto.

Diffusore ProAc Response D15.
Insieme alle elettroniche ForteVita ha fornito un suono analitico e molto ben definito.

Preamplificatore Relevant 7.5 TM.
Impiega come un unico stadio di guadagno un trasformatore d’epoca in Hi-Permalloy e un sofisticato buffer in grado di pilotare linee con 600 ohm d’impedenza.
Caratteristica unica e peculiare dei Relevant è la possibilità di programmare il guadagno I/O mediante la regolazione del Master Volume (ampiezza del segnale d’ingresso), del Gain Control (guadagno) e l'Overdrive, che ottimizza la distorsione armonica.

Fortevita Relevant 9.4.

 

Relevant 3 TM.
Utilizza un'esclusiva sezione di guadagno realizzata con componentistica di assoluta rarità e performance e da un buffer di uscita con trasformatore d’epoca in Permalloy. Tutti i Relevant TM sono progetti singoli a tiratura limitata.

Relevant 8 TM.
I preamplificatori Relevant sono a stato solido, accoppiati in DC e del tutto esenti da feedback. La costruzione si presenta molto accurata, ciascun circuito attivo viene sigillato in appositi moduli resinati ottimizzati per ottenere una grande affidabilità nel tempo. La costruzione è finalizzata ad abolire completamente l’influenza negativa di risonanze spurie mediante l’utilizzo di uno chassis in rame saldamente ancorato a un frontale di spesso alluminio con interposto materiale bituminoso assorbente e smorzante.

Amplificatore finale di potenza ForteVita.

 

 

VEF RADIOTEHNIKA RRR

La buona Hi-Fi, come dimostrano i diffusori della VEF Radiothenika RRR, azienda lettone fondata nel lontano 1927 come fabbrica di radioricevitori, non è soltanto quella incarnata da oggetti costosi. Siamo qui nel campo della migliore "Affordable Hi Fi", cioè quella categoria di prodotti dal costo contenuto ma dalle prestazioni decisamente valide.

Importatore italiano della Radiotehnika è HifiDirect di Milano.

Il Giant FS-100 è il top di gamma della produzione VEF.
Imponente nelle dimensioni (1231 x 300 x 430 mm) e ben rifinito, come afferma la rivista anglosassone Hifi World UK, offre un rapporto qualità prezzo sbalorditivo, costruzione solida, bassi profondi e scena sonora di grandezza impressionante. Sul mio personalissimo cartellino tutte doti confermate dall'ascolto, soprattutto l'ampiezza della scena unita alla solida profondità delle basse frequenze.
Le specifiche tecniche parlano di un tre vie/cinque altoparlanti che monta due woofer da 200 mm, ognuno alloggiato in vano separato con un proprio condotto reflex, due midrange da 127 mm e un tweeter a cupola da 25 mm. Potenza massima sopportabile 300 watt ed efficienza di 91 dB/w/m.

Vista particolare della configurazione D'Appolito (MTM) del Giant FS-100.

Prototype è il nome di un diffusore di prossima commercializzazione, un tre vie/tre altoparlanti con woofer da 25 cm, un midrange e un tweeter a cupola dalla sensibilità di 88 dB/w/m. La risposta in frequenza va da 25 a 25000 Hz. 

Diffusore X-Line FS 10.1.
La serie "X Line" ha ricevuto un importante apprezzamento per le sue qualità, cioè il prestigioso diploma di "Product of the Year" ottenuto nell'esibizione internazionale “Hi-Fi Show 2003 & Home Theatre”, manifestazione che si tiene ogni anno a Mosca.
Il modello in foto è un tre vie/quattro altoparlanti con un woofer laterale passivo da 250 mm, due midrange e un tweeter a cupola. Anche qui la potenza massima in ingresso è indicata in 300 watt mentre l'efficienza si attesta sui 90 dB/w/m. Viene rilasciato in un'unica finitura nero opaco.

 

 

Le tanto attese novità della JBL, cioè quei modelli di buone dimensioni destinati a rinverdire i fasti dei mitici Studio Monitor anni '70 - '80, erano presenti con le 4319 Control Monitor e le 4429 Studio Monitor, in buon connubio con le elettroniche della Olimpia Audio.
Il setup in foto si avvaleva delle 4429.

L'impianto con le 4319.
In entrambi i casi il sound era quello tipico JBL: grande impatto dinamico, rappresentazione vivace con un basso potente, definito e molto ben controllato. Sul mio personalissimo cartellino ho preferito la performance delle più costose 4429, in particolare sulle medie frequenze.
La gamma degli Studio Monitor comprenderà in tutto sei modelli, la distribuzione dei primi tre sarà avviata agli inizi di Maggio 2011 mentre gli altri tre arriveranno a fine anno o al massimo nei primi mesi dell'anno prossimo.

Quirino Cieri, direttore tecnico e responsabile della rete di assistenza tecnica Kenwood Italia.

Silvano Sivieri di Olimpia Audio.

JBL 4429 Studio Monitor.
Tre vie che impiega un woofer da 300 mm con magnete in ferrite e membrana rivestita in Aquaplas, midrange a compressione da 50 mm con magnete in neodimio, diaframma in titanio e tromba biradiale in Sonoglass, tweeter a compressione da 19 mm con magnete in neodimio, diaframma in titanio e tromba biradiale in Sonoglass.
Frequenze di crossover: 800 Hz e 7 KHz, sensibilità di 91 dB/w/m.

JBL 4319 Control Monitor.
Anch'esso a tre vie, woofer da 300 mm con doppio magnete in neodimio e membrana rivestita in Aquaplas. Midrange da 125 mm con magnete in ferrite e cupola rovesciata in magnesio/alluminio. Tweeter da 25 mm con magnete in neodimio e cupola in magnesio/alluminio.
Frequenze di crossover: 800 Hz e 3,5 KHz, sensibilità di 92 dB/w/m.

Le sorelline "minori" JBL 4321E, entry level della serie Control Monitor, sono un tre vie che impiega un woofer da 300 mm con doppio magnete in neodimio e membrana rivestita in Aquaplas, midrange da 125 mm con magnete in ferrite e cupola in magnesio/alluminio rivestita di polimeri, tweeter da 25 mm con magnete in neodimio e cupola in magnesio/alluminio.
Frequenze di crossover: 2 KHz e 5 KHz, sensibilità di 93 dB/w/m.

Nella medesima sala la milanese Olimpia Audio esponeva tre nuove elettroniche. I nomi scelti da Silvano Sivieri per questi modelli, come per altri della sua produzione recente e passata, sono quelli di famosi personaggi operistici mozartiani.
La prima (in foto) è il DAC Ramiro che vanta caratteristiche esclusive: è alimentato completamente a batteria e isolato tramite dei trasformatori sia all'ingresso digitale che all'uscita analogica. Gli ingressi, infatti, S/PDIF - USB (asincrona) e Toslink hanno un trasformatore/isolatore e l'uscita analogica è passiva con un trasformatore. La durata della batteria è di circa sei, sette ore, quando si accende una spia rossa ha inizio il suo esaurimento e l'utente non deve fare altro che collegare il DAC alla rete, ferma restando la possibilità di continuare a usarlo durante il processo di ricarica. La sezione di conversione è affidata a 16 convertitori TDA 1543 della Philips in configurazione "zero oversampling". Le uscite sono sbilanciate e bilanciate.

Preamplificatore linea Polidoro.
E' il primo pre bilanciato della Olimpia, utilizza due triodi E80CC, un tubo pochissimo usato nelle elettroniche audio, in configurazione ibrida cioè con carico attivo a transistor invece di passivo a resistenza, e vanta l'originale soluzione di impiegare un Led per polarizzare il catodo. E' dotato di un suono moderno, veloce e analitico unendo i vantaggi dello stato solido con il suono dei tubi termoionici. In fase progettuale la difficoltà è stata quella di ottenere un buon bilanciamento in un apparecchio privo di controreazione, per conseguire tale risultato bisogna selezionare i componenti uno per uno con la massima attenzione.

Amplificatore finale stereo di potenza Dual Mono Pedrillo MKII.
Rappresenta l'evoluzione del precedente Pedrillo con lo stadio di alimentazione induttivo e non solo a condensatori come nel precedente modello, questa soluzione ha consentito di abbattere il ripple di risposta. Come nel pre è stata utilizzata la tecnologia ibrida con lo stadio driver polarizzato a Led con un carico attivo. Lavora in classe AB erogando i primi 30 watt in classe A mentre nei picchi dinamici, e comunque oltre una certa potenza, commuta in AB. E' completamente bilanciato con quattro schede e quattro trasformatori per i due canali, la massa del segnale quindi non va al telaio. Eroga 100 watt per canale su 8 ohm, lo stadio d'ingresso/driver utilizza triodi E182CC NOS mentre lo stadio di potenza impiega transistor Sanken.

 

 

Nella saletta della LSP Longhin spiccavano due curiosi diffusori a forma di strumento ad arco, forse un violoncello?
Se la forma è significante del carattere, si tratterà certamente di elettroacustiche molto "musicali"... A dare la pappa a questi pezzi d'arte era il valvolare "Silver wave" della Longhin.

L'integrato valvolare Silver Wave.

Diffusore "Armonico".
Nelle intenzioni del progettista c’è stata la “scolpitura” di un oggetto con un effetto artistico, che unisse aspetti innovativi con materiali strutturali migliori di quelli normalmente in uso. Nasce così un guscio di spessore progressivo (da 30 a 40 mm) dal fondo conico, con il duplice scopo di allineare i centri di emissione ed evitare le onde stazionarie all'interno del mobile, grazie all'assenza di superfici parallele. I woofer lavorano in due camere di carico reflex, separate da una spessa parete in piombo.

Sul baffle frontale i trasduttori poggiano nelle sezioni fresate su anelli di piombo e sono accoppiati a un materiale antivibrante, all'interno due coni torniti a forma radiale auto-regolanti premono sul magnete per annullare le vibrazioni dei woofer fissati a sbalzo. Pregevole la componentistica utilizzata: due woofer Monacor SPH-200 CTC da 211 mm, un midrange Eton 4-200/A8/25 Hex da 116 mm e un ribbon tweeter Fountex neo CD2,0 da 165 mm.

 

Nella grande sala Kappa campeggiavano due formidabili Avantgarde Acoustic Uno, monumentale modello a tre vie con doppio woofer attivo, che hanno riempito di musica il notevole spazio acustico a disposizione. La loro alta sensibilità ha reso possibile l'utilizzo del sopraffino Audio Note Meishu da soli 9 watt in classe A.

Audio Note Meishu.
Amplificatore integrato valvolare stereo single-ended da 9 x 2 watt. Utilizza due 300B come dispositivi finali di potenza.

Le Avantgarde Uno con le impressionanti trombe sferiche rosse, in vista frontale.

Le Uno in vista posteriore.

Elettroniche usate della Meridian e Revox.

Elettroniche Audio Note.

Amplificatore integrato stereo Acoustic Masterpiece AM-201.

Preamplificatore stereo a valvole Uesugi U-Bros 18.

Trasformatori di Step-Up per testine MC.

 

 

La Troniteck di Sergio Modenesi utilizza il mezzo dell’"E-Commerce" per veicolare sul mercato i tanti prodotti che tratta, PC - Hardware - Accessori PC - Hi Fi - Audio e Video e altre categorie sono quindi a portata di click. E' una realtà divisa in due sezioni, la prima (più antica) è quella che si occupa della vendita diretta al pubblico di tanti prodotti, tra cui l'alta fedeltà, il cui sito è www.troniteck.it (ora in manutenzione) oppure il negozio e-bay.
La seconda (più recente) invece si dedica solo ed esclusivamente alla distribuzione dei marchi che importa in esclusiva per l'Italia, sito www.troniteck-distribuzione.com.
Ha partecipato al Milano HI-End presentando questa seconda realtà, gestita in toto da Sergio Modenesi. Nonostante le elevate richieste di acquisto diretto, si preferisce rivolgere gli interessati al sito del brand di appartenenza, perchè con Troniteck Distribuzione si vuol dare più importanza ai rivenditori su territorio nazionale, piuttosto che allo store diretto (che tra l'altro non compare neanche tra i rivenditori autorizzati).

I diffusori Dynavoice, come i Proson, sono opera del progettista svedese Tommy Wadensten, co-proprietario della JWS International di Falkenberg, azienda che fa da tramite tra alcune ditte OEM, produttrici della componentistica. Demandando la produzione in Cina è stato possibile ottenere un forte contenimento dei prezzi.
In foto vediamo il modello Dynavoice Definition DF-6, floorstanding di buone dimensioni (1100 x 222 x 400 mm) tre vie/cinque altoparlanti che implementa interessanti soluzioni tecniche come il doppio tweeter sulle alte frequenze (Dome più Ribbon), il doppio condotto reflex (uno frontale e uno posteriore), occludibile con un damper di spugna fornito con il diffusore, e il sistema "X-Change" che modifica il livello dell'emissione dai 4000 ai 20000 Hz in ambiente.

Il più piccolo modello da stand Dynavoice Definition DM-5.
Monta un midwoofer da 5,25" con membrana in fibra di Kevlar, un tweeter a cupola e un tweeter a nastro.
Questi sistemi hanno fatto un figurone dimostrando delle ottime performance sonore. Il sound è generoso, espansivo ma altrettanto valido sul fronte del bilanciamento tonale e della definizione.

Le due elettroniche Maverick Audio che erano collegate alle DM-5.
Anche loro sono due campioncini del rapporto qualità prezzo, in piena linea con il sano concetto dell'Affordable Hi Fi. In alto vediamo l'amplificatore integrato stereo ibrido "Tube Magic" A1 della "Desktop Mini Series", apparecchio molto versatile poiché integra un amplificatore di potenza, un amplificatore valvolare per cuffia e un preamplificatore a valvole. E' dotato di un solo ingresso analogico.
Sotto c'è il Tube Magic D1, un convertitore D/A con ingressi USB - Coassiale e ottico S/PDIF. In comune con l'A1 ha la possibilità di essere adoperato anche come amplificatore valvolare per cuffia e come preamplificatore, sempre a valvole. Insomma un vero apparecchio multifunzione molto utile all'appassionato per "rinfrescare" vecchi CD Player o per utilizzare le sorgenti moderne (PC, XBox, PS3, iPod ecc.). Entrambi i modelli utilizzano trasformatori R-Core nello stadio di alimentazione.

Dynavoice Challenger S-5 EX.
Segue una serie di piccoli bookshelf che possono validamente essere impiegati in un sistema HT come satelliti, ma che hanno sufficiente dignità per ben figurare anche in un sistema stereofonico.

Proson Event 41.

Proson Reality SA 31 Sat (V.2).

Dynavoice Magic EX ES-4.

E' importante sapere che per poter sfruttare al meglio la tecnologia 3D è necessario di disporre di un cavo HDMI 1.4 certificato e la Ricable è in grado di fornirne diversi modelli di ottima qualità, ma dal prezzo contenuto. L'Hi-End, Across, Ultimate, Premium e Micro sono tutte le versioni prodotte dalla Ricable, tutte interessanti e ben rifinite.
Tante le novità in arrivo nel catalogo 2011: a breve saranno disponibili nuovi cavi di segnale e di potenza, sempre caratterizzati da un valido rapporto qualità/prezzo.

Modelli da pavimento Proson e Dynavoice.
Da sinistra verso destra: Dynavoice Dynamite 10 - Proson Event 6 - Dynavoice Challenger EX M-65 e Dynavoice Magic EX F-6.

Sergio Modenesi (a sinistra) con un suo collaboratore.

Alfredo Di Pietro


 Print   
Copyright (c) 2000-2006   Terms Of Use  Privacy Statement
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation